Smart working

Arriva il modello Zero Trust per la Cyber Security aziendale

Zero Trust è l’innovativo ed efficace approccio che punta alla sicurezza aziendale basato sulla regola “Zero Fiducia”.

Innovativo, perché utilizza una micro-segmentazione delle reti.

Efficace, perché è pensato anche per gli accessi effettuati in smart working.

Se i modelli di cyber security convenzionali sono basati sulla sicurezza perimetrale in cui la protezione dell’ecosistema aziendale si fida di tutto ciò che viene gestito e amministrato all’interno del perimetro, l’approccio Zero Trust è progettato per affrontare tutte quelle minacce cosiddette laterali che si muovono attraverso le reti.

Grazie a questo approccio innovativo, attraverso una micro-segmentazione delle reti e alla definizione di perimetri granulari i sistemi aziendali si trovano ad avere relazioni, traffico ed applicazioni approvati e qualsiasi tentativo di comunicazione, anche se effettuato da remoto da collaboratori in smart working, viene confrontato con questi parametri per determinare se le azioni possono essere o meno consentite.

Smart working e Cyber Security

Avere un’architettura IT basata sullo Zero Trust significa quindi che nessun dispositivo, utente, applicazione e trustable di default gode di un accesso predefinito alla rete o alle risorse aziendali, ma vengono verificati ed autorizzati di volta in volta. Il tutto in modo continuativo.

Perchè è consigliata una micro-segmentazione a Zero Trust?

Ultimamente i manager si stanno affidando in modo sempre più consistente a soluzioni di sicurezza automatizzate dal momento che le architetture cloud ibride stanno diventando uno standard per molte organizzazioni. Al fine di automatizzare l’implementazione di una strategia di sicurezza informatizzata e continuativa, è consigliata una micro-segmentazione di tipo granulare per garantire una massima visibilità a livello di:
• traffico di rete
• carichi di lavoro
• configurazioni applicative
Se si crea un livello di applicazione delle policy capace di presidiare in modo dinamico i carichi di lavoro ovunque essi si trovino, le aziende avranno maggiori possibilità di proteggere i dati sensibili anche in smart-working, indipendentemente da dove viene eseguita l’istanza.

Zero Trust: quali vantaggi?

Eliminando potenzialmente i movimenti laterali, lo Zero Trust riduce il rischio che un utente malintenzionato, o un abile hacker, riesca ad ottenere l’accesso ad una risorsa all’interno di un ambiente cloud (anche ibrido) o di un data center.
Inoltre i team di esperti IT sono in grado non solo di limitare il raggio di esplosione di un cyber attacco, poiché ogni danno è contenuto nella più piccola superficie possibile, ma soprattutto di intercettare le anomalie e prevenire attacchi informatici di vario genere.

Oggigiorno gli esperti IT vedono minata la sicurezza informatica e gli attacchi informatici sono quadruplicati. Grazie all’approccio Zero Trust la cyber security protegge sia il tuo business sia i dipendenti in smart working!

Per valutare se la tua azienda gode di un’adeguata infrastruttura IT e per sapere se i dati sono protetti anche durante lo smart working, puoi richiedere un check gratuito da parte dei nostri tecnici oppure un colloquio di approfondimento.

Potrebbero interessarti anche..

Iscriviti alla nostra Lettera Cibernetica!


Menu